Social learning

Leggi le condizioni
Prima di creare un account su Impari occorre leggere attentamente il documento sul trattamento dei dati che entrerà in vigore il 25 maggio 2018 per tutti i cittadini europei, nonchè i testi sulla privacy e sulla Cookie policy.

Privacy Policy in breve  Privacy Policy    Cookie Policy Documento sul trattamento dei dati sensibili




Licenza Creative Commons

Chi si registra su Impari accetta che i contenuti prodotti siano regolati, quando vengono resi pubblici, sulla base della licenza Creative Commons.



Cosa è il Creative Commons

Creative Commons (CC) è un'organizzazione statunitense non profit con sede a Mountain View dedicata ad ampliare la gamma di opere creative disponibili alla condivisione e all'utilizzo pubblico in maniera legale. Rende possibile il riuso creativo di opere dell'ingegno altrui nel pieno rispetto delle leggi esistenti. L'organizzazione ha pubblicato diversi tipi di licenze note come licenze Creative Commons (CC): queste licenze permettono ai creatori di scegliere e comunicare quali diritti riservarsi e a quali diritti rinunciare a beneficio dei destinatari. Le licenze forniscono un modo semplice e standardizzato per dare pubblicamente il permesso di condividere e utilizzare il lavoro creativo in base alle condizioni stabilite dai creatori. La missione di Creative Commons è ben rappresentata dal logo dell'organizzazione (CC), che rappresenta una via di mezzo tra il rigido modello del copyright (C) (Tutti i diritti riservati, All rights reserved) e quello invece di pubblico dominio (PD) (Nessun diritto riservato, No rights reserved), introducendo il nuovo concetto appunto di Alcuni diritti riservati (some rights reserved).



Art. 1

Chi non desidera condividere i sui contenuti in licenza Creative Commons può configurarli in modo che rimangano privati. In tal caso vengono visualizzati solo dall'utente che li ha creati.



Art. 2

Chiunque sia registrato sulla piattaforma si impegna ad inserire solo contenuti didattici ed educativi e nessuno è autorizzato a introdurre contenuti offensivi, inadatti ad un'utenza fatta di ragazzi giovani, in molti casi minori,  e men che meno offensivi dal punto di vista religoso,  politico o culturale in genere.



Art. 3

E' assolutamente vietato introdurre contenuti o riferimenti a siti pornografici o altri siti offensivi della dignità umana. I Trasgressori verranno segnalati all'autorità giudiziaria.



Art. 4

Chiunque trasgredisca uno dei punti precedenti verrà segnalato alla Polizia postale.